Nata in Francia nel 1986, Clarisse segue diverse formazioni in cinema, fotografia e arte contemporanea tra Parigi e Roma. Il suo lavoro si articola intoro alla rappresentazione narrativa tra finzione e documentario, alla ricerca di un realismo poetico.

Lavorando sulle forme di narrazione, manipolando l’immagine fissa o in movimento e montando le immagini in libri, giornali, fanzine, tavole, si crea una narrazione aperta, che tende spesso a suscitare la memoria e l’immaginario delpubblico e delle persone implicate nella creazione.

In parallela al suo lavoro da fotografa e i suoi progetti personali, conduce degli atelier intorno all’immagine e le sue potenzialit√† espressive ed immaginative, sempre portati sui modi di montaggio e di manipolazione dell’immagine che costruiscono il racconto.